Se sei un collezionista saprai sicuramente cosa significa parlare di gradazione carte Pokemon, ovvero quell’insieme di valutazioni che vengono svolte sulle carte per assegnare loro un punteggio utile in fase di rivendita o scambio, con altri appassionati. Esistono, anche in Italia, alcuni siti che propongono metodi e indicazioni su come gradare le carte Pokemon.

Il primo sito di annunci di compra-vendita tra privati dedicato al mondo gaming a 360°.

Iscriviti gratuitamente e inizia a fare affari.

Gradazione carte Pokemon: cosa significa?

Far valutare le tue carte potrebbe essere un’operazione intelligente per capire realmente se la tua collezione può avere anche un valore economico, oltre a quello affettivo.

Hai la possibilità di ricevere un certificato da un ente preposto, il cui compito è quello di gradare un mazzo di carte o alcune di esso. Ciascun elemento del mazzo viene valutato con un punteggio compreso tra 1 e 10, compresi anche i mezzi voti. L’analisi dell’esperto può conferire un valore economico più elevato tanto più il punteggio sarà importante.

Come gradare le carte Pokemon: parametri di valutazione

Al fine di ottenere delle valutazioni quanto più possibili oggettive, è importante che tutti gli enti certificatori analizzino i medesimi parametri e caratteristiche. Solo così, infatti, le carte possono essere confrontate dal punto di vista della loro gradazione. Cosa guardano, però, nello specifico, gli esperti valutatori?

  • Livello di usura degli angoli
  • Stato di conservazione dei bordi della carta
  • Qualità della superficie al tatto
  • Grado di pulizia della carta su entrambi i lati
  • La centratura del disegno stampato

Va da sé che più i parametri elencati sono valutati positivamente (punteggi quanto più prossimi al massimo dei voti), la carta otterrà una classificazione più alta e quindi una gradazione migliore. Di conseguenza, il suo valore commerciale acquisirà maggior prestigio.

Come ottenere la gradazione carte Pokemon certificata

Per far valutare le proprie carte, occorre rivolgersi agli enti certificati. Attualmente, al mondo ve ne sono tre principali e ritenuti molto affidabili:

gradazione carte pokemon beckett

Beckett (BGS): si tratta di un ente statunitense riconosciuto per le valutazioni di carte collezionabili e fumetti. Una particolarità dei certificatori appartenenti a BGS riguarda i voti di valutazione, i quali sono spesso indicati con il mezzo punto decimale. I parametri di analisi, per questo ente, sono la valutazione degli angoli, dei bordi, della superficie e la centratura dell’immagine. Alla fine dell’esame della carta, viene espressa una media voto, prendendo in considerazione le quattro singole valutazioni. In caso di valutazione top di 10 punti per ciascun parametro BGS assegna un’etichetta speciale denominata “Black Label”. I tempi di analisi e spedizione certificato possono rientrare tra i migliori rispetto agli altri concorrenti.

gradazione carte pokemon psa

PSA Grading: è un certificatore statunitense, attivo dal 1999 e specializzato nella valutazione delle carte collezionabili e di altri oggetti simili. Negli ultimi anni ha raggiunto grande affidabilità nella valutazione per determinate la gradazione carte Pokemon e, grazie all’esperienza maturata nel tempo, può rilasciare certificati anche in lingue diverse. Sono possibili 6 tipologie di servizi, che si distinguono per i tempi di valutazione, per il rilascio del certificato e per il prezzo pagato per beneficiare dei servizi. Questi sono opzionabili a seconda del valore stimato delle carte.

gradazione carte pokemon graad

GRAAD: nel 2018 in Italia nasce GRAAD, con l’obiettivo di fornire ai collezionisti italiani ed europei, una alternativa ai valutatori statunitensi. Fin da subito l’obiettivo era di approcciarsi alle carte in modo oggettivo e scientifico, riducendo eventuali giudizi soggettivi dei singoli valutatori. Ancora oggi, le valutazioni carte Pokemon di GRAAD sono riconosciute tra le più oggettive e apprezzate da parte di molti collezionisti. I prezzi per beneficiare dei vari servizi (standard oppure digitale) sono molto competitivi. Anche per questo motivo, il pubblico giovanile, che non sapeva come gradare le carte Pokemon ha trovato in questo ente un affidabile valutatore.

Questi sono gli enti certificatori più rinomati e riconosciuti, ma ne esistono anche altri. Il consiglio è quello di cercare eventuali informazioni aggiuntive in modo da poter compiere una scelta razionale e di qualità per poter avere una gradazione carte Pokemon quanto più possibile e oggettiva.

Dopo aver contattato l’ente prescelto, sarà necessario imballare in modo corretto le proprie carte e spedirle presso il valutatore ufficiale. Occorre, inoltre, prestare attenzione che l’imballo non sia deperibile, onde evitare problemi durante il trasporto (ad esempio è consigliabile optare per una scatola rigida che possa resistere agli urti e ad eventuali pressioni che, in caso contrario, potrebbero sgualcire le carte).

Esistono in commercio delle apposite bustine trasparenti che consentono una protezione superficiale di ciascuna carta.

Conclusione

Nel mondo delle carte Pokemon collezionabili, risulta sempre più importante conoscere la valutazione. È ovvio che carte in ottimo stato e magari anche meno diffuse, potrebbero ricevere una gradazione più “premiante” rispetto ad un’altra carta conservata in condizioni accettabili.

È corretto specificare che classificare le carte assegnando loro un punteggio, non è certo una scienza esatta e occorre sempre considerare un minimo di soggettività. Con tale premessa, l’utilizzo dei parametri sopra indicati è un buon modo per cercare di far prevalere elementi oggettivi.

Il primo sito di annunci di compra-vendita tra privati dedicato al mondo gaming a 360°.

Iscriviti gratuitamente e inizia a fare affari.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi

Registrati

Reimposta la password

Inserisci il tuo nome utente o l'indirizzo email, riceverai un link per reimpostare la password via email.